giovedì 8 giugno 2017

Il carnevale delle arance


[Articolo didattico: uhm, mi spieghi meglio?]


LIVELLO PRINCIPIANTI

A 50 km da Torino, in una città di nome Ivrea, ogni anno scoppia una battaglia: la battaglia delle arance.
Gli abitanti di Ivrea amano molto il loro Storico Carnevale. Alla fine di febbraio comincia la festa: personaggi storici sfilano per le strade; nelle piazze le persone mangiano i fagioli grassi; la banda musicale suona la canzone del carnevale; comincia la battaglia e, alla fine, si accende un falò, simbolo di buon augurio.

LA LEGGENDA

Medioevo, anno 1200. Violetta è la figlia di un mugnaio. La ragazza deve sposare Toniolo; ma il barone della città, un tiranno, decide di dormire con lei la notte prima del matrimonio. Violetta va al castello e uccide il tiranno. Lo decapita con una spada e fa vedere al popolo la testa del barone. È la rivolta! Il popolo da fuoco al castello. La città è libera.

LA BATTAGLIA DELLE ARANCE

Gli aranceri sono le persone che combattono la battaglia delle arance. Ci sono due tipi di aranceri:
1) quelli che stanno per terra e si muovono a piedi;
2) quelli che stanno sui carri e si muovono per tutte le piazze.
I cavalli trainano i carri. Gli aranceri numero 1) combattono contro gli aranceri numero 2). In che modo? Con le arance!
Non è chiaro? Allora guardate questo video: https://www.youtube.com/watch?v=1jRgYMbMxl8.

Ma come fare per vedere la battaglia delle arance... dal vivo?

ISTRUZIONI PER LA SOPRAVVIVENZA

1- Durante la sfilata restate sui lati della strada.
2- Mettete sulla testa il berretto frigio. Che cos'è? Un copricapo rosso. Questa è una regola importante: gli aranceri non colpiscono le persone che hanno il berretto frigio.
3- Guardate la battaglia dietro le reti di protezione.
4- Quando non ci sono le reti di protezione dovete coprirvi: mettete un braccio di fronte al volto.
5- Potete tirare qualche arancia anche voi però... chiedete prima il permesso e non tirate arance ai cavalli, ai guidatori dei carri e agli aranceri senza il casco.

NOTE

Scoppiare: to erupt (es. a war erupted)

Sfilare: to parade

Falò: bonfire

Tiranno: tyrant

Dare fuoco: to set [sth] into fire

Trainare: to pull (es. four horses pulled the drag)

Dal vivo: live (es. live show)

Berretto: hat, beret

Tirare: to throw

PILLOLA LINGUISTICA

Dare istruzioni

Ci sono più modi per dare istruzioni. È possibile:

- Usare l'imperativo (“indossa il berretto frigio / indossate il berretto frigio”)
- Usare l'infinito (“indossare il berretto frigio”)
[- Usare il congiuntivo (“si indossi il berretto frigio”)]

Ricorda! L'imperativo, nella sua forma negativa, si forma con il non + verbo all'infinito (“non indossare il berretto frigio”)

Saper leggere le istruzioni è utile per comprendere molti testi, fra cui le ricette, i manuali o le indicazioni stradali e, in generale, tutti i testi che contengono regole. Potete usare i testi regolativi con i vostri figli ma non esagerate. C'è il rischio di una rivolta!

« Papà: “Torna a casa presto!”
Figlio: “Sei un tiranno! Torno a casa quando voglio” »

https://tinyletter.com/Italianoperstrani